INFORMATIVA COOKIES

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

OK, ACCONSENTO APPROFONDISCI  
Home | Stories | Birra Italia: gli impianti di spillatura a supporto della qualità artigianale

Birra Italia: gli impianti di spillatura a supporto della qualità artigianale

L’AUMENTO DELLA DOMANDA FA CRESCERE LA PRODUZIONE ITALIANA DI MALTO E IL TREND DEI MICRO BIRRIFICI

TAG: BEER CELLI CELLI GROUP
22
08
2019
Buone notizie per gli addetti ai lavori: gli italiani preferiscono le bionde nostrane!

Secondo quanto riportato dall’Annual Report 2018 di AssoBirra, il 2018 ha registrato un aumento generale dei consumi di birra pari al 3,2%.
Ancora più confortante è l’aumento del 6,6% di export (contro un +1,2% di import) e una produzione che chiude l’anno passato con un +4,7%.

Le birre “speciali” negli ultimi 5 anni hanno mostrato un aumento del 115%, mentre le birre tradizionali vengono bevute sempre più anche in autunno e in inverno, a conferma di un trend che destagionalizza il consumo di birra. Il giovamento di questi dati ha raggiunto l’intera filiera, dall’agricoltura con un aumento di produzione italiana di malto (+5,5%), alla distribuzione, all’occupazione nel comparto.

La crescita della domanda infatti, ha influito positivamente sull’occupazione nel settore, con un aumento di circa 700 unità.
Oggi l’Italia è al 9° posto in Europa per volumi di produzione, mentre è 5° per numero di birrifici.

Un dato estremamente interessante, riportato sempre da AssoBirra, riguarda il settore della birra artigianale: i micro birrifici italiani registrano un incoraggiante +4,3% rispetto al 2017. Queste nuove realtà imprenditoriali, soprattutto giovanili, oggi in Italia possiedono una quota di mercato del 3,1%, composta da 862 aziende, di cui 692 birrifici artigianali e 170 brew pub. Lombardia, Piemonte, Veneto e Toscana sono nell’ordine le regioni in cui sono presenti in maggior numero queste strutture, mentre al Sud domina la Campania con 55 birrifici tra artigianali e brew pub.

Ed è proprio su quest’ultimo aspetto della crescita del nostro settore, che Celli ha voluto puntare. Con oltre 40 anni di esperienza alle spalle, il Gruppo Celli e la sua rete, sono considerati nel mondo della spillatura sinonimo di qualità, affidabilità, design e innovazione. Perché dunque non farsi promotori della qualità artigianale e del made in Italy, oltre che incentivare la mission di conversione dei consumi dalla bottiglia alla spina?
Grazie infatti ad una proposta di noleggio studiata ad hoc per queste nuove realtà, i micro birrifici possono ridurre l’investimento iniziale, eliminare lo stock magazzino, ma soprattutto usufruire di servizi di installazione, manutenzione e sanificazione d’eccellenza e personalizzabili.

    ARTICOLI CORRELATI

    TUTTE LE NEWS