INFORMATIVA COOKIES

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

OK, ACCONSENTO APPROFONDISCI  
Home | Stories | Il valore dell’acqua per il sistema paese Italia

Il valore dell’acqua per il sistema paese Italia

Ecco il nuovo studio a cura di Gruppo Celli e The European House - Ambrosetti

TAG: WATER COSMETAL CELLI GROUP ACQUA ALMA
18
03
2020

Il Gruppo Celli, leader globale nella progettazione e produzione di soluzioni per l’erogazione di bevande, mira a rivoluzionare il modo di consumare acqua, partendo dal presupposto che il futuro del nostro pianeta dipenda sia da un uso più consapevole della risorsa, sia dal superamento del contenitore monouso.

L’Italia, infatti, con 188 litri pro capite annui, è il 1° Paese al Mondo per consumo di acqua minerale in bottiglia.

Un primato che il Gruppo vuole ridurre grazie anche ad Acqua Alma, il primo brand di acqua trattata che ha la missione di valorizzare l’acqua di rete e favorire il passaggio dalla logica “usa e getta” a quella del “refill”.
Proprio con l’obiettivo di valorizzare l’acqua di rete e di ribilanciare un modello di consumo troppo orientato all’acqua in bottiglia, il Gruppo Celli ha preso parte come main partner alla Community Valore Acqua per l’Italia, costituita da The European House – Ambrosetti per creare una piattaforma di alto livello multi-stakeholder sulla gestione delle risorse idriche come driver di competitività e sviluppo industriale, con l’obiettivo di avanzare proposte al Governo e al Sistema-Paese.




Oggi si sarebbe dovuta tenere a Roma, presso la Sala delle Statue di Palazzo Rospigliosi, la presentazione del lavoro conclusivo della Community: il Libro Bianco “Valore Acqua per l’Italia”.
Visto il momento così delicato, l’evento non si è potuto tenere fisicamente ma è stato realizzato ugualmente 100% digitale. L’evento, moderato da Rosalba Reggio, Responsabile web TV del Sole 24 Ore, ha visto la partecipazione di autorità, sia del mondo istituzionale, sia di rappresentanti di alcune delle realtà più avanzate della filiera idrica del Paese.

Durante la video conference Valerio De Molli, Managing Partner & CEO di The European House – Ambrosetti, ha presentato i contenuti del Rapporto Finale della Community Valore Acqua per l’Italia, le best practice nazionali ed internazionali e le proposte per l’Italia, favorendo un dibattito costruttivo tra gli stakeholder, al fine di mettere a sistema visioni, strategie, strumenti e modelli operativi a supporto dell’ottimizzazione della filiera idrica integrata.
L’Osservatorio della Community Valore Acqua per l’Italia, partendo dalla considerazione che la risorsa acqua impatta su 10 dei 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite e che già oggi il 25% della popolazione mondiale si trova in una condizione di stress idrico, ha stilato un decalogo di azioni e proposte concrete rivolte al Sistema Paese che permettano di gestire efficientemente e in maniera sostenibile la risorsa acqua.

Mauro Gallavotti, CEO del Gruppo Celli e relatore alla tavola rotonda, ha approfondito alcuni dei temi analizzati dalla Community sottolineando la necessità di creare una cultura diffusa dell’acqua che favorisca un utilizzo più razionale ed efficiente della risorsa idrica, attuando scelte di consumo più sostenibili quali l’acqua di rete rispetto all’acqua in bottiglia di plastica o vetro, riducendo non solo la produzione di rifiuti in plastica, una delle principali cause di inquinamento delle acque, ma anche l’impatto sull’ambiente di un aspetto non secondario come l’inquinamento prodotto a causa del loro trasporto.

“All’interno della Community Valore Acqua per l’Italia – continua Mauro Gallavotti – abbiamo espresso le nostre priorità per quanto riguarda il mondo dell’erogazione dell’acqua, proponendo alle istituzioni di creare incentivi fiscali per l’installazione di impianti di erogazione dell’acqua per la casa, l’ufficio, nell’Horeca ed all’interno dei condomini. Fondamentale per noi anche il tema della comunicazione per creare una maggiore sensibilità ad un uso più responsabile e sostenibile della risorsa acqua”.

    ARTICOLI CORRELATI

    TUTTE LE NEWS