INFORMATIVA COOKIES

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

OK, ACCONSENTO APPROFONDISCI  
Home | Stories | XI CONGRESSO NAZIONALE DI LEGAMBIENTE

XI CONGRESSO NAZIONALE DI LEGAMBIENTE

Il Congresso e la Mostra ospitati per la prima volta a Napoli nel Museo Nazionale di Pietrarsa

TAG: WATER COSMETAL CELLI GROUP ACQUA ALMA
25
11
2019
Il Gruppo Celli, con il brand di acqua di rete microfiltrata Acqua Alma, è stato partner della Mostra “L’Italia del coraggio. Protagonisti del futuro” allestita in occasione dell’XI Congresso Nazionale di Legambiente, che si è tenuto dal 22 al 24 novembre a Napoli ed è stato ospitato dalla Fondazione Ferrovie dello Stato Italiane presso il Museo Nazionale di Pietrarsa.

In una cornice completamente plastic-free, la partnership tra Celli e Legambiente prevedeva di offrire acqua microfiltrata agli ospiti del Congresso e della Mostra adiacente, tramite impianti di erogazione Acqua Alma posizionati all’interno dell’area del Museo di Pietrarsa.

Il Gruppo, inoltre, insieme ad altre eccellenze italiane, ha partecipato alla Mostra come esempio di azienda impegnata nella riconversione ecologica dell’economia.

Mauro Gallavotti, CEO del Gruppo Celli, è intervenuto nella mattinata di sabato durante il panel “Circolare e civile: la riconversione ecologica dell’economia” spiegando cosa serve all’Italia per accelerare tale transizione e quali criticità deve affrontare una realtà come Celli per raggiungere gli obiettivi di sostenibilità.

“Partendo da numeri chiave sui consumi di acqua in Italia che ci vede secondi al mondo per consumi di acqua in bottiglia, – racconta Gallavotti – abbiamo commissionato a The European House Ambrosetti uno studio per valutare quale sarebbe l’impatto per il Sistema Paese Italia se si passasse dal 95% di consumo di acqua in bottiglia, livello attuale, ad un modello più equilibrato con un 50% di consumo di acqua di rete e il restante 50% in bottiglia: con l’accrescere del bisogno di assistenza tecnica e manutenzione, si assisterebbe a un aumento progressivo di posti di lavoro in questo settore e si avvierebbe una riconversione in termini di maggiore sostenibilità dell’industria”.

Dialogando con la parte più avanzata del mondo imprenditoriale del nostro Paese, che sta virando in maniera radicale verso fonti rinnovabili, economia circolare, innovazione, tecnologie pulite e qualità dei prodotti, è stata messa in luce l’inevitabile trasformazione del sistema produttivo verso un’economia sostenibile, capace di generare benefici ambientali e sociali. Non è un caso se l’XI Congresso di Legambiente si è tenuto a Napoli: la Campania, infatti, è stata per decenni in emergenza rifiuti ma oggi rappresenta un valido esempio di cambiamento e miglioramento, avendo superato il 50% di raccolta differenziata grazie agli investimenti di numerose aziende che hanno fatto dell’economia circolare la base del loro business.

“La partnership con Legambiente – continua Gallavotti – è il risultato della condivisione di valori tradotti in operatività. Al fianco dell’Associazione in occasione di Festambiente in Maremma, al Forum Acqua a Roma dedicato alle filiere della sostenibilità della risorsa idrica, e questo week end per il Convegno Nazionale, siamo orgogliosi di essere stati partner di un’iniziativa così importante giunta alla sua 11ª edizione. Continueremo quindi a lavorare insieme per spingere il Sistema Paese a compiere scelte radicali nel modo di produrre e consumare, al fine di sfruttare al meglio l’innovazione tecnologica per affrontare le sfide del futuro e raggiungere gli obiettivi di sostenibilità a cui tutti siamo chiamati a rispondere”. 

    ARTICOLI CORRELATI

    TUTTE LE NEWS